Ottantasei gocce di valium
Stazioni mobili
loculi invisibili dalla superstrada
dalla poltrona del Sindaco
le baracche sono panni stesi
Alici capricci
Cristi sui limiti
Morti veloci
Cantiere
Tende
mele
Alessandra Carnaroli, Prec’arie, 2011

Questa voce è stata pubblicata in premio baghetta. Contrassegna il permalink.

Una risposta a

  1. la sacerdotessa ha detto:

    Il corpo si sveglia e ritrova il miracolo che riaffiora
    è il suo stato modificato dalla chimica cellulare
    altra sostanza ne irrora le carni e di conseguenza
    i pensieri si affollano a stormi anche più garruli
    della giovane età quando l’eccesso era naturale
    non invecchia la commozione per l’intera
    creazione che lo sguardo d’amore ripete

    Biagio Cepollaro, la camera verde, 2012

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...