Chanson turca

Concentrazione guardando Hopper

Corre vento tra
loro due, nel silenzio ch’è l’udito maggiore. Si sente
le mani infinite già dentro
lo spirito. Così ascolta nell’aria le mosche- basta
un paio- spaccare in volo
la trave. Per teoria del corpo innalza il viso a quel
tronco docente di
dolore, lo mastica (ci sa
fare perdio) con gote di grazia orrenda o legna
di camino un focaio.

Cristina Annino – Chanson turca, 2012 LietoColle

Questa voce è stata pubblicata in premio baghetta e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...