Tu sei venuta come un uccellino sulle mie

Tu sei venuta come un uccellino

sulle mie mani

io stavo molto fermo, immobile

per questo sei venuta

non muovevo neanche le palpebre,

tu hai becchettato un po’

poi ti sei guardata intorno,

io sentivo le tue zampette morbide

sulle mie dita,

io avrei potuto prenderti

nelle mie mani, avrei potuto stringerti

ma sono rimasto immobile

mentre ti guardavo non respiravo

tanto ero sorpreso

dalla tua bellezza.

Claudio Damiani, Il fico sulla fortezza, Fazi editore, 2012

Questa voce è stata pubblicata in premio baghetta. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Tu sei venuta come un uccellino sulle mie

  1. giulianocorti ha detto:

    intramontabile fanciullino, bagettable

  2. monfabris ha detto:

    ma anche perché solo chi ha letto Petrarca può scrivere, come dice lui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...