La divisione della gioia

c’è un campo, e un’ascia, e tu che sorridi:
andiamo avanti, hai detto, senza voltarci.

e ancora, nel campo, con la testa sul vetro
ti ho spinto e poi con fermezza ripreso:

ma altro non resta e mentre ti spogli
ancora sul vetro mi fletto e ricado.

bastava mostrarsi e tutto era dato
senza luce voltarsi e levare ogni peso:

ora chiama le cose, soffia sul vetro,
nel parcheggio ormai vuoto non ha più dimora

quello sguardo che un giorno gettavi su un prato
per ogni minaccia che dal buio premeva.

quando premo alle spalle misurandoti il fianco
stringendo le cosce tu affermi la resa:

allora lascia, non dirlo, che altrove non siamo
e nella luce inesausta ci apriamo all’oscuro.

c’e’ un campo, e un’ascia, e tu che ti volti
ché avanti puntando si torna poi indietro:

non bisogna, hai detto, tradire il sentiero
e calcando i miei passi sul muro mi hai preso.

.
Italo Testa, La divisione della gioia, Transeuropa 2010

Questa voce è stata pubblicata in premio baghetta e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...